BBSLab è un progetto con Bisogna prendere atto che tutti gli Stakeholdes (tra cui investitori, pubbliche autorità) stanno modificando in profondità i loro comportamenti e i loro parametri di giudizio con una sempre più attenta analisi dei fatti, e saranno sempre più in grado – anche grazie all’impegno di una corretta informazione – di distinguere le imprese realmente sostenibili da quelle che non lo sono o lo sono solo a parole.

I contenuti della sostenibilità sono raramente fruibili dal consumatore finale. La complessità della tematica non viene semplificata dalle aziende affinché gli stakeholders possano valutarne con facilità ed interesse le informazioni pubblicate. In questo contesto Biblioteca Bilancio Sociale, con il supporto metodologico e scientifico di Aida Partners si fanno promotori del BbsLab che nasce per valutare i bilanci di sostenibilità dal punto di vista dell’efficacia della comunicazione, della rilevanza delle informazioni pubblicate, della loro correttezzaequilibrio e comprensibilità ed infine, ma non meno importante, quanto il linguaggio permetta una facile lettura. Questo permetterà di misurare la diffusione della cultura della sostenibilità nelle aziende ma soprattutto diffondere la cultura di una comunicazione accessibile dei bilanci di sostenibilità.

La prima esecuzione, che avverrà poi per tutti i singoli comparti produttivi, sarà nel settore agroalimentare in collaborazione con UNISG – Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzoistituita da Carlin Petrini già fondatore di Slow Food.

Il progetto si propone di “rompere gli schemi” del tradizionale approccio alla sostenibilità, soprattutto alla comunicazione, che rende il documento spesso di difficile fruizione e quindi accessibile solamente ad una élite di esperti.

La spinta all’innovazione della comunicazione, pur nel rispetto delle linee guida circa la redazione dei Bilanci di Sostenibilità, arriverà dai giovani universitari,  già consumatori e in un futuro prossimo soggetti attivi per guidare le aziende verso la transizione sostenibile.

Nello specifico gli studenti dell’Università di di Pollenzo hanno valutato tutti i Bilanci oggi disponibili nel settore Agroalimentare. Formati sulle modalità di redazione di un bilancio di sostenibilità e sulle linee guida potranno esprimere un giudizio parametrato al tipo di studio condotto e infine presenteranno una proposta di miglioramento dei metodi e dei contenuti.

Gli studenti hanno attribuito ad ogni sezione del documento la valutazione dell’importanza nel contesto generale. Inoltre hanno indicato per ogni sezione e sottosezione quali sono le tre informazioni ritenute più rilevanti sia in generale che per il settore produttivo.

La risultanza di tutti questi fattori è alla base della costruzione dell’algoritmo un contenuto completo trasparente inserito in una struttura accessibile” Il progetto pilota comprende infatti lo studio di un algoritmo che misura oggettivamente la qualità della comunicazione dei bilanci di sostenibilità. L’algoritmo è elaborato seguendo il principio MoTav che valuta la qualità della comunicazione del documento sulla base di struttura e contenuto.

'
Anno:
Numero dipendenti:
Quotata in borsa:
Bilancio certificato:
Bilancio integrale:
IDENTITA E GOVERNANCE
Lettera di introduzione:
Storia:
Vision, valori etici:
Organizzazione, governance:
IMPEGNO SOCIALE
Collettività e rapporti col territorio:
Progetti speciali internazionali:
Cultura:
STAKEHOLDERS
Dipendenti, collaboratori, rete vendita:
Fornitori:
Soci azionisti:
Clienti:
AMBIENTE
Efficienza energetica e consumi:
Impatto ambientale:
Tutela del territorio:
INDICATORI NUMERICI E STATISTICI
Prospetti per indicatori GRI:
Performance economiche:
'