bbs                

Terza edizione del premio Biblioteca Bilancio Sociale

L’ECONOMIA DELLA REPUTAZIONE

I VINCITORI

 

La sede di Borsa italiana ha ospitato la terza edizione del Premio Bilancio Sociale BBS giunto alla quarta edizione.

E’ stato declinato il valore reputazionale come espressione di una governance sostenibile centrata sul ‘core business’ delle imprese.

Mirta Barbeschi, fondatore BBS ha rilevato che il pensiero sostenibile è una predisposizione destinata a diventare pandemica se ben strutturata affermando che “ La sostenibilità è gratis come il buon gusto, applicarla poi è altra cosa” augurandosi che “possa entrare nell’olimpo delle strategie aziendali”.

La parte centrale, tutta dedicata alla pratica della CSR,  ha visto alternarsi sul palco le otto aziende finaliste (Alberti e Santi, Costa Crociere, Ecopneus, Kellogg, Inalca, Prysmian, Piaggio e Unipol) ed il pubblico in sala ha espresso in diretta il gradimento.

La chiusura dei lavori affidata a due testimoni d’eccellenza : Vincenzo Boccia Presidente di Confindustria ed Ermete Realacci, Presidente Fondazione Symbola ePresidente Commissione Ambiente e Territorio alla Camera.

In particolare la presenza di Vincenzo Boccia ha dato la misura dell’importanza che la sostenibilità ha, ed avrà, nelle politiche d’economia industriale “attraverso la sostenibilità si costruisce un’idea di Paese e partendo dalla centralità della persona si arriva a un metodo che porta fino al contratto di Federmeccanica con il quale si è rotto il paradigma storico di conflitto aziendale, per arrivare all’idea di confronto, perché insieme si è più competitivi” dichiara Boccia osservando, infine, che si va sempre più verso “la legittimazione sociale del ruolo delle imprese”.

Il Presidente Realacci ha  poi ricordato che “le imprese che valorizzano i lavoratori e stringono un dialogo con la comunità e il territorio, hanno una marcia in più” come emerge dagli ultimi dati della ricerca “ Coesione è competizione” realizzata da Fondazione Symbola e Unioncamere. Ed ha aggiunto e sottolineato che perché la sostenibilità abbia senso “occorrono visione, numeri ma anche storie”.

La terza Edizione del Premio Bilancio Sociale si è conclusa con la vittoria di Costa Crociere per il titolo Grandi Imprese e  EcoPneus per quello delle Piccole (sotto i 500 dipendenti).

Nella categoria Grandi Imprese sono stati assegnati anche un secondo posto a Kellogg, un terzo posto a Prysmian.

A ciò si aggiungono le menzioni speciali – quattro – scelte per valorizzare le macro aree tematiche di categorizzazione proprie del progetto BBS: identità e visione (Asdomar), impegno sociale (Wind), stakeholder (Reale Mutua) e ambiente (Acque).

Comunicato Stampa 30 nov. – I vincitori Premio BBS 2016

 

Documentazione Terza Edizione Premio BBS

Intervento Founder BBS – l’Economia della Reputazione

Intervento Sara Lovisolo – Group Sustainability Manager London Stock Exchange Group

Le 4 Menzioni Speciali : Asdomar ( Identità e Vision), Wind (Impegno Sociale), Reale Mutua (Stakeholder), Acque ( Impatto Ambientale )

 Documentazione Menzioni

Salvatore Ferragamo,  Vincitore II Edizione Premio BBS 2015

Salvatore Ferragamo

 Tutti i Finalisti:

Alberti & Santi

Costa Crociere

Ecopneus

Inalca

kellogg

Piaggio

Prysmian

Unipol

 

Programma

 

 

BBS – Biblioteca Bilancio Sociale

Via andrea verga 12
20144 – Milano
uff 02.48003799

email: info@bibliotecabilanciosociale.it